Vieni a risvegliarci

Incontro del 21 maggio

Signore, nostro Dio!
Padre nostro grazie a tuo Figlio,
divenuto nostro fratello!
Tu ci chiami:
Ritornate, figli degli uomini!
In alto i cuori!
Ricercate le cose che sono in alto!
È così che hai chiamato anche noi.
Eccoci qui dunque,
Ciascuno con la sua vita che ti appartiene
e che è interamente nelle tue mani.
Ciascuno con i suoi grandi e piccoli peccati,
che tu solo puoi perdonare.
Ciascuno con il suo dolore,
che tu solo puoi cambiare in gioia.
Ma ciascuno anche con la speranza
che tu ti manifesti come il suo Dio misericordioso.
Noi sappiamo bene che una sola cosa
può rallegrarti e farti onore:
il desiderio sincero del tuo Spirito,
la ricerca sincera della tua verità,
la sete sincera della tua guida.
Ma sappiamo ugualmente che tutto ciò
è già il frutto della tua opera in noi.
Signore, vieni a risvegliarci
e potremo così uscire dal nostro sonno!
Karl Barth
Il foglietto: Parte A Parte B

«Ecco, io faccio nuove tutte le cose»

Incontro del 15 maggio

«Ecco la tenda di Dio con gli uomini!
Egli abiterà con loro
ed essi saranno suoi popoli
ed egli sarà il Dio con loro, il loro Dio.
E asciugherà ogni lacrima dai loro occhi
e non vi sarà più la morte
né lutto né lamento né affanno,
perché le cose di prima sono passate».
E Colui che sedeva sul trono disse:
«Ecco, io faccio nuove tutte le cose».
Ap 21
Il foglietto: Parte A Parte B

Memoria di Aldo Moro

Incontro del 9 maggio

E chi può ascoltare il nostro lamento, se non ancora Tu, o Dio della vita e della morte? Tu non hai esaudito la nostra supplica per la incolumità di Aldo Moro, di questo Uomo buono, mite, saggio, innocente ed amico; ma Tu, o Signore, non hai abbandonato il suo spirito immortale, segnato dalla Fede nel Cristo, che è la risurrezione e la vita. Per lui, per lui.
Signore, ascoltaci!
dalla preghiera di Paolo VI – maggio 1978
Il foglietto: Parte A Parte B

Seguimi!

Incontro del 30 aprile

Due volte è stata rivolta a Pietro la chiamata: seguimi!
È stata la prima e l’ultima parola di Gesù al suo discepolo (Mc 1,17; Gv. 21,22). Tutta la vita di questo è posta tra queste due chiamate. La prima volta Pietro ha sentito l’invito di Gesù sul lago di Genezaret ed ha abbandonato le sue reti, la sua professione, e lo ha letteralmente seguito. L’ultima volta il Risorto lo trova di nuovo nella sua professione di prima, sul lago di Genezaret, ed ancora una volta gli dice: seguimi! Frammezzo c’è stata tutta una vita di discepolato al seguito di Cristo; al centro la sua professione di fede in Gesù come il Cristo (l’unto) di Dio. Tre volte a Pietro fu annunziata la stessa cosa: al principio e alla fine a Cesarea di Filippo, che, cioè, Cristo è il suo Dio e il suo Signore. È la stessa grazia di Dio che lo chiama: seguimi! e che si manifesta nella sua professione di fede nel Figlio di Dio.
da Sequela di Dietrich Bonhoeffer
Il foglietto: Parte A Parte B

Sedèr

Incontro del 12 aprile

Incontro insieme al gruppo ecumenico Avellino-Salerno sulla Pasqua Ebraica ispirandosi al “Sedèr” degli ebrei di Roma. Momento di preghiera e di riflessione a cui segue la condivisione e l’assaggio dei simboli pasquali e che aiuta a comprendere meglio la Pasqua Cristiana.

Per non vergognarsi d’essere uomo.

Incontro del 3 aprile

Signore,
questa esistenza io l’accetto,
e l’accetto in speranza.
Una speranza
che tutto comprende e sopporta,
una speranza che non so mai
se la posseggo davvero.
Una speranza
che nasce al mio profondo,
una speranza totale
che non posso sostituire
con angosce inconfessate e cose possedute.
Questa speranza assoluta
io me la riconosco e voglio averla:
di essa devo rispondere
come del compito più grande
della mia vita.
Io so, Signore,
che essa non è un’utopia,
ma viene da te,
nasce da te e abbraccia tutto
e tutto comprende come promessa
che l’umanità arriverà
alla pienezza di vita
e ogni uomo potrà davvero
non vergognarsi d’essere uomo.
Karl Rahner
Il foglietto: Parte A Parte B

Incontro del 28 marzo

Chagall – Luca, 15,11-32

«Rallégrati, figlio mio,
perché tuo fratello era morto ed è tornato in vita,
era perduto ed è stato ritrovato».
(Lc 15,32)
Il foglietto: Parte A Parte B

In…Giustizia

Incontro del 22 marzo

«Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subito tale sorte? No, io
vi dico… O quelle diciotto persone, sulle quali crollò la torre di Sìloe e le uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme?
Luca 13
Il foglietto: Parte A Parte B

Con cuore sincero

Incontro del 14 marzo

Dio grande e fedele,
che riveli il tuo volto a chi ti cerca con cuore sincero,
rinsalda la nostra fede nel mistero della croce
e donaci un cuore docile,
perché nell’adesione amorosa alla tua volontà
seguiamo come discepoli il Cristo tuo Figlio.!
Coll 17 mar
Il foglietto: Parte A Parte B