Partire?

Incontro del 3 luglio

Missione è
partire, camminare, lasciare tutto,
uscire da se stessi, rompere la crosta
di egoismo che ci chiude
nel nostro Io.
È smettere di girare
intorno a noi stessi
come se fossimo
il centro del mondo e della vita.
È non lasciarsi bloccare
dai problemi del piccolo mondo
al quale apparteniamo:
l’umanità è più grande.
Missione è sempre partire,
ma non è divorare chilometri.
È, soprattutto, aprirsi agli altri
come a fratelli,
è scoprirli e incontrarli.
E, se per incontrarli e amarli
è necessario attraversare i mari
e volare lassù nel cielo,
allora missione è partire
fino ai confini del mondo.
Dom Helder Camara
Il foglietto: Parte A Parte B

Il guado.

Incontro del 26 giugno

«Gesù prese la ferma decisione
di mettersi in cammino
verso Gerusalemme»
(Lc 9,51)

di Carlo Maria Martini
Quale guado rappresenta per Gesù il momento tra la confessione di Pietro e il “firmavit faciem suam”?
Egli si è già mostrato nella sua verità, si è già offerto alla croce con la duplice predizione della passione. E qui, in relazione con la sua offerta alla croce, mostra la sua gloria e la sua figliolanza.
Questo è il senso profondo di LC 9, 28-36: Gesù manifesta in sé la saldatura tra croce e gloria, tra passione e salvezza, tra morte e vita, tra figliolanza e obbedienza, saldatura che costituisce il nucleo del mistero storico del Verbo incarnato.
Non si tratta solo di una realtà ontologica (Dio-uomo), da considerare astrattamente, ma di una realtà storica di croce e gloria, umiltà e onore, sofferenza e gioia, povertà e regno, morte e vita. È questo il cuore della vita di Gesù, riassunta nelle beatitudini; esse sono appunto tale contrapposizione vissuta, che si condenserà nell’acqua e nel sangue fluenti dal costato del Crocifisso: l’acqua della vita insieme con il sangue della morte. Leggi tutto “Il guado.”

La divisione dei pani.

Incontro del 19 giugno

di Tonino Bello
…la pagina della divisione dei pani. Il dividendo sono i cinque pani e i due pesci; il divisore è costituito da cinquemila persone. Gli altri evangelisti aggiungono senza contare le donne e i bambini. Una divisione con le cifre decimali. Tutti furono sazi: questo è il risultato, il quoziente. Ma c’è anche il resto: avanzarono dodici canestri. E’ una vera e propria divisione: perché la chiamarono moltiplicazione dei pani? E siamo ancora così tardi nel capire per quale motivo il Signore ha voluto prendere un bambino, che a quel tempo non contava niente, come non contavano niente le donne e i vecchi; che volutamente ha scelto il segno della fragilità umana, della trascuratezza, dell’emarginazione? Leggi tutto “La divisione dei pani.”

“Communicatio facit domum ac civitatem”

Incontro del 5 giugno

«Tutti costoro che parlano non sono forse Galilei? E come mai ciascuno di noi sente parlare nella propria lingua nativa? Siamo Parti, Medi, Elamìti; abitanti della Mesopotàmia, della Giudea e della Cappadòcia, del Ponto e dell’Asia, della Frìgia e della Panfìlia, dell’Egitto e delle parti della Libia vicino a Cirène, Romani qui residenti, Giudei e prosèliti, Cretesi e Arabi, e li udiamo parlare nelle nostre lingue delle grandi opere di Dio». Gv 14, 23-26
“Communicatio facit domum ac civitatem” è di Tommaso D’Aquino

Il foglietto: Parte A Parte B

Comunità.

Ma queste comunità, queste associazioni, cosa sono? Cosa fanno? Questa è la domanda che spesso mi fanno amici, parenti, colleghi ed anche persone della comunità, ecco una tabella informativa ad uso interno ed esterno:

Non sono sigle vuote, né riconducibili ad una singola esperienza personale. L’una non può, in alcun modo, contenere le altre, né essere contenuta da una delle altre.
Chi va alla ricerca di un’esperienza fortemente identitaria che «ti assorbe completamente estraniandoti da tutte le “altre”» ha sbagliato indirizzo.
I link:
Comunità della Piana
rete3
Gruppo SAE

Memoria di Don Gallo

di Luigi Ciotti 22.05.2013

Saluto un amico e un punto di riferimento. Don Andrea Gallo ha rappresentato – nella sua vita lunga e generosa – la Chiesa che “amo” e nella quale mi riconosco. La Chiesa che non dimentica la dottrina, ma non permette che diventi più importante dell’attenzione per gli ultimi, per i dimenticati. Andrea lo ricorderemo così: come una persona che ha dato un nome a chi non lo aveva o se lo era visto negare. La sua opera di educatore, dai tempi della Garaventa – la nave che ospitava i “figli” fragili di Genova – all’apertura delle prime comunità negli anni Settanta, all’esperienza che ci ha visti affiancati nel Cnca, il coordinamento nazionale che si riconosceva nel principio dell'”educare, non punire”, altro non è stata che un tenace, quotidiano impegno per riconoscere la dignità e la libertà della persona, una libertà su cui bisognava sempre scommettere e alla quale non bisognava mai stancarsi di dare opportunità. Leggi tutto “Memoria di Don Gallo”

Vieni a risvegliarci

Incontro del 21 maggio

Signore, nostro Dio!
Padre nostro grazie a tuo Figlio,
divenuto nostro fratello!
Tu ci chiami:
Ritornate, figli degli uomini!
In alto i cuori!
Ricercate le cose che sono in alto!
È così che hai chiamato anche noi.
Eccoci qui dunque,
Ciascuno con la sua vita che ti appartiene
e che è interamente nelle tue mani.
Ciascuno con i suoi grandi e piccoli peccati,
che tu solo puoi perdonare.
Ciascuno con il suo dolore,
che tu solo puoi cambiare in gioia.
Ma ciascuno anche con la speranza
che tu ti manifesti come il suo Dio misericordioso.
Noi sappiamo bene che una sola cosa
può rallegrarti e farti onore:
il desiderio sincero del tuo Spirito,
la ricerca sincera della tua verità,
la sete sincera della tua guida.
Ma sappiamo ugualmente che tutto ciò
è già il frutto della tua opera in noi.
Signore, vieni a risvegliarci
e potremo così uscire dal nostro sonno!
Karl Barth
Il foglietto: Parte A Parte B

«Ecco, io faccio nuove tutte le cose»

Incontro del 15 maggio

«Ecco la tenda di Dio con gli uomini!
Egli abiterà con loro
ed essi saranno suoi popoli
ed egli sarà il Dio con loro, il loro Dio.
E asciugherà ogni lacrima dai loro occhi
e non vi sarà più la morte
né lutto né lamento né affanno,
perché le cose di prima sono passate».
E Colui che sedeva sul trono disse:
«Ecco, io faccio nuove tutte le cose».
Ap 21
Il foglietto: Parte A Parte B