“Communicatio facit domum ac civitatem”

Incontro del 5 giugno

«Tutti costoro che parlano non sono forse Galilei? E come mai ciascuno di noi sente parlare nella propria lingua nativa? Siamo Parti, Medi, Elamìti; abitanti della Mesopotàmia, della Giudea e della Cappadòcia, del Ponto e dell’Asia, della Frìgia e della Panfìlia, dell’Egitto e delle parti della Libia vicino a Cirène, Romani qui residenti, Giudei e prosèliti, Cretesi e Arabi, e li udiamo parlare nelle nostre lingue delle grandi opere di Dio». Gv 14, 23-26
“Communicatio facit domum ac civitatem” è di Tommaso D’Aquino

Il foglietto: Parte A Parte B

Lascia un commento