Dagli al Tonino!

Gogna televisiva ieri sera per Tonino di Pietro a L’ultima parola, il programma filoleghista di Gianluigi Paragone, direttore già della Padania e di Libero. A orchestrare l’accusa, noti maestri di democrazia come Maurizio Gasparri e il vicedirettore di Libero Sallusti, con a reggere il moccolo un maestro del pizzino televisivo (ricordate?) come Nicola La Torre. […]

Leggi tutto

La salute del giudice

La c.d. legge sul processo breve, orwellianamente denominata: ” misure per la tutela del cittadino contro la durata indeterminata dei processi…” nata per rendere non punibili i reati tipici dei colletti bianchi (corruzione, concussione, truffa, peculato, etc) è stata pietosamente estesa a tutti (…) Uno dei principi cardine del processo penale è quello dell’immutabilità del giudice. (… Se questa persona fisica viene meno, bisogna ricominciare tutto d’accapo […]

Leggi tutto

Il Partito dell’amore

“L’amore vince sempre sull’invidia e sull’odio” (Silvio Berlusconi, 14 dicembre 2009)
Eccole allora, tutte insieme, le parole dell’amore:
“I fucili sono sempre caldi” “Non so cosa vuole la sinistra, noi siamo pronti, se vogliono fare gli scontri io ho trecentomila uomini sempre a disposizione.” (Umberto Bossi, 29 aprile 2009).
Alla sinistra ‘per male’ dico: vadano pure a morire ammazzati”. (Renato Brunetta, 19 settembre 2009) […]

Leggi tutto

Pure li pulici ten’n ‘ a tosse

Non passa giorno che il creativo Rotondi non riempia le agenzie di trovate e dichiarazioni ad effetto: solidarietà a Mastella e a tutti gli indagati, “colpire un Pm per educarne cento”… e ancora la proposta dei DiDoRe, i Diritti e Doveri di Reciprocità dei conviventi contro PacS, DiCo, CuS e prima che Mollica presenti i DoReCiacGulp … Infine, buon ultima, la boutade sulla pausa pranzo… E tuttavia Rotondi non è un fesso “qualunque”. Per diventare qualificato ha studiato. E duramente […]

Leggi tutto

Sentinella, a che punto è la notte?

“Sentinella, quando finisce la notte? Dimmi, quanto manca all’alba?”. La sentinella risponde: “Arriva l’alba, ma presto anche la notte. Se volete fare altre domande, tornate di nuovo”. Nel 1983 è Francesco Guccini a proporre una rilettura in musica del testo di Isaia, in un fortunato brano che, rispettando l’originale ebraico del testo, si intitola Shomér, Ma Mi-Llailah?
Passano 11 anni, siamo nel 1994, e la domanda risuona di nuovo sulle labbra di uno dei più autorevoli padri costituenti, Giuseppe Dossetti…

Leggi tutto