Buongiorno!

Questo articolo è stato pubblicato sul giornale della scuola “ut focus” – poi tolto per evitare polemiche (2018) – lo ripubblico adesso sperando di risvegliare quelle polemiche…

L’altra settimana sono arrivato prima.

Odio arrivare in anticipo e non capisco chi arriva sempre 10 minuti prima: spesso sono bravissime persone, ma sono portato a diffidare, sbaglio sicuramente.

Sono arrivato prima, dovevo raccontare ai nuovi come funziona il nostro dipartimento, i laboratori etc. etc.. Si, i “nuovi” quelli che sono entrati con la “buona scuola”. Nuovi, ma non giovani, età media 52 anni per i miei.

Seduto in sala docenti aspettavo…

Questa “cosa” dei nuovi incuriosiva molti colleghi ed alcuni si erano preparati a dare il meglio.

“Buongiorno” – entra una collega- “buongiorno rispondiamo in due”, non era uno dei “nuovi”: sarebbero arrivati tutti in ritardo per il traffico e per i problemi burocratici.

E poi buongiorno… buongiorno… buongiorno entrano alla spicciolata e firmano.

E ancora “buongiorno”, rispondiamo in quattro, eravamo una decina, qualcuno parlava al telefono o con un collega o sistemava i compiti.

“Ecco nessuno risponde, questa è la civiltà in questa scuola” – sbotta Enrica (nome di fantasia)

– “ma veramente abbiamo risposto”.

– “Molti no!” – continua Enrica – “indicando quelli che non avevano risposto”.

Poi altri 15 “buongiorni” …

“Ma nessuno risponde, l’educazione è la prima cosa” – esclama Salvatore (sempre nome di fantasia) – “ma veramente abbiamo risposto, persino io” – rispondo – “alcuni no” – riprende Salvatore.

“Ecco vedi che ho ragione” – è Enrica che parla – “la maleducazione e l’inciviltà regnano, che cosa insegniamo ai nostri alunni; la mattina quando arrivo, nessuno mai mi dice buongiorno!”

A questo punto Michele (nome di f.) non si trattiene: “Ma come c.., cavolo vuoi che ti rispondano se arrivi sempre in ritardo, se e quando ci vieni, senza…”

“Spesso chi “desidera” il buongiorno ne ha bisogno, deve controllare se sta in pace con se stesso e con gli altri. C’è chi si sente in colpa per qualcosa e vuole verificare” – “appunto” – interviene Michele interrompendomi – “verificare se è ancora accettato dalla ‘comunità’ perché è una… “.

———————————-

Ci sono gli estremisti del buongiorno e sono di opposte polarità…

Ci sono i buongiornisti, pacifici e pacifisti, il loro buongiorno equivale allo Shalom ebraico – da imitare e seguire. (1)

Ma ci sono i buongiornisti guerrafondai, per loro, il saluto è un’arma, si toglie e si dà, per punirti o inserirti tra i possibili adepti, tra quelli del proprio clan. Questo è il buongiorno che non sopporto e rispondere suona, talvolta, come una ipocrisia, per chi non sopporta il familismo, i clan e le fazioni.

– Ah, dimenticavo, poi Michele si è scusato ed ha riavuto il saluto.

(1)  « שלום Shalòm o “pace” è la più alta aspirazione dell’ebraismo per il mondo in cui viviamo. È un valore posto al di sopra di tutti gli altri. L’insegnamento rabbinico lo descrive come il solo “canale” attraverso il quale la benedizione divina può scorrere in questo mondo.

  Shalom è un valore che permea ogni livello dell’esistenza. Non soltanto le nazioni ma i gruppi di ogni tipo devono imparare a vivere in shalom, l’uno con l’altro. Il contrario di shalòm, nell’ebreo classico, solitamente non è milchamàh (guerra), ma machlòket, che significa divisione, che talvolta porta l’ostilità, tra le persone. Le differenze sociali, etniche e religiose esisteranno fino a quando non arriverà il mashìach. Il nostro compito è quello di imparare a vivere in shalom con gli altri e dare così una mano affinché la redenzione arrivi prima.»
Tratto da “Queste sono le parole” di Arthur Green, ebreo “hassidico”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.