Il CIRCOLO DEL VUOTO…terremoto interNATIONAL e il DISsocial network

Si dice che Zuckemberg in gioventù universitaria sia stato membro di una confraternita studentesca ebraica che prima di lui aveva accolto il comico Jerry Lewis.

Dunque apprezzerà l’ironia del fato che vede neofascisti d’ogni risma, nuovi–odianti e vetero razzisti, impazzare sul suo social network e non solo.

Mandrie di bufale mediatiche sono usate come nei film del west per fare “scarmazzo” e arare adepti indignati contro le boldrini, i politici vari gli extracomunitari, i comunisti, i cattocomunisti e il papa reo persino di citare – ohibò!-  vangelo così come è scritto, dunque massimo traditore dell’occidente.

papa-comunista

Beninteso l’occidente di qua dell”armata sovietica e del vallo atlantico contro le plutodemocrazie ebraiche, assediato da piani Kalergi e Protocolli di Sion. Per alcuni anche dalle scie chimiche e dagli alieni rettiliani.

Una normalissima e facile attività critica e di studio spazzerebbe via tante di codeste mandrie e diversi mandriani rimarrebbero senza mutande, restituendo dignità ai veri e innocenti bovini.

Ma è ovvio che tira più la polemica di Higuain, per dire.

E questa la loro fortuna, come nella repubblica di Weimar, insieme alla totale disattenzione idiota, se non complice, delle autorità e della politica che sembra abbia capito che l’antipolitica è la forma di sopravvivenza migliore per la propria politica di mediocrità colpevole. Si manipolano meglio i fessi.

Si discute sul reato di diffamazione informatica e su come limitare queste follie, ma alla fine non conviene a nessuno, con la scusa della democrazia.

Eppure i bufalari sono come gli islamisti che approfittano delle libertà occidentali per distruggerle, si fanno proteggere da esse mentre le minano. La lezione è la stessa, hanno i diritti di bufalare e incitare all’odio, mentre a te ti darebbero, se ti va bene, l’olio di ricino.

Il circolo del vuoto in cui nuotano è il medesimo.

Se tu che leggi sei d’accordo con quanto scrivo, bada: sei un buonista intollerante.

Non si sa cosa significhi, anche per aporia logica, se non che non sei d’accordo con loro, sia pure per una sola virgola.

Meglio buonisti che cattivisti convinti fedeli dei falsi e rompiballe, ma io so che non tu ti senti buonista.

post che impazza sui social
post che impazza sui social

Intollerante? Forse sì. E mi spiego meglio. La leggi tu la polemica sulle tende ai terremotati e gli immigrati in albergo? Ma come è possibile tanto cortocircuito cerebrale? Tanta intollerabile idiozia? Se appartenessi a parrocchie a loro simili e opposte diresti: fucilateli. E come mai? Come sciacalli, come traditori del vero, ladri di buonsenso e coscienza.

Chiunque abbia vissuto un emergenza, per sua disgrazia, o fatto il volontario, sa che in questi casi la tenda è inizialmente la soluzione migliore, per motivi psicologici, per vicinanza ad affetti e cose, per non abbandonare la comunità andando a centinaia di chilometri di distanza per sicurezza. E’ inevitabilmente dopo che ciò avverrà, non ora. Che cosa c’entrano le scelte opinabili sui migranti con l’ovvia gestione di una catastrofe?

E’ chiaro che bisogna suscitare disgusto e indignazione, a prescindere.

I più buffi sono i neo meridionalisti a vario titolo che riprendono post che sembrano copiati pari dagli slogan e dalle paure sui loro/nostri padri terroni. Che propalano verità di blog tipo: riscatto nazionale, Italia patria mia, e altri variamente duce-inneggianti. Non si rendono conto affatto della contraddizione insanabile e davvero ridicola tra l’esser contro le risultanze del Risorgimento e queste posizioni politiche.

Vignette anti italiane pubblicate sul giornale "The Mascot" di New Orleans nel 1888
Vignette anti italiane pubblicate sul giornale “The Mascot” di New Orleans nel 1888

In questi momenti impazza la foto del quotidiano La Repubblica che sarebbe taroccata,  perché La Repubblica sembra non aver pubblicato la foto di distruzione di Haiti spacciandola per aiuto dei migranti al terremoto delle Marche e della fu provincia duosiciliana di Abruzzo Ulteriore. E’ un fotomontaggio. E’ la strategia disiformativa di chi si fida dell’intelletto del cattivista.

Infatti, quando glissando sulla contraffazione chiedi, innocente: “ma è falsa la foto o è falsa la notizia?”, i cattivisti ti chiedono a loro volta: “ e che vuoi dire?”

foto dal sito www,bufale.net
foto dal sito www,bufale.net

Ma chissà che si vuol dire!

Stai messo male, caro occidente nato sui principi di logica e quindi d’identità e non contraddizione e ridotto a baluardo tra l’avanzata comunista e quella giudemomassonicodemoplutocratica!

Se c’è una cospirazione vera è quella senza schema apparente della follia, del circolo del vuoto. Resistete, se si può.

E speriamo che quell’ebreaccio di Zuckemberg si ricordi di far parte di piani sionisti cacciando dal suo social network qualche bufalaro, così, per soddisfazione becera del nostro buonismo intollerante.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.