Nun se sceta

 

-“Oggi si vota”
—-“Ah?”
-“Eh!”
—-“Si, ma…”
-“Ma che fai?”
—-“Recupero i CD prima che si ‘rovinano’ … il tempo li danneggia”
-“Ma non scendi?”
—-“Ci devo pensare
—-è più difficile del solito
—-no, forse è uguale”
-“Allora andiamo stasera alle nove”

Tra le musiche “conservate” c’è la versione acustica di un brano di ” ‘A vita sott’a pelle ” uno spettacolo, un musical che partecipò, tra l’altro, alla rassegna teatrale collegata al “Laceno d’oro”.

Prima favola
Io vi racconto di una terra antica
che doce doce rorme sott’a neve
che rorme a vierno, rorme a primavera
e l’uva che matura
o’ viento rint’e fronne
l’allucche re creture
nun ‘a sceta
nun ‘a sceta

RIT: E’ com’a ‘na figliola
incantata ra nu mago
che resta sempe bella
ma nun se sceta mai
e se ‘a mano chiano puosi
sott’a pelle sient’a vita
sott’a pelle sient’a vita

Io vi racconto di una terra antica
che doce doce rorme sott’o sole
che rorme a vierno, rorme int’a stagione
e principi e guerrieri
soldati e cavalieri
signuri potenti
nun ‘a sceta
nun ‘a sceta RIT.

Io vi racconto di una terra antica
che quacche vota forte ‘o munno sbatte
ma rorme, rorme e nun se sceta
e tu non tieni niente
nascosto miezza ‘a gente
nun chiagni pecchè sai
che nun se sceta
che nun se sceta RIT.

aut

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.