I Testimoni, la Chiesa, la Società

Luigi Bettazzi
Luigi Bettazzi

Dire “il Concilio ha 50 anni” è diverso che “A 50 anni dal Concilio”: non intendiamo celebrare una pagina ormai consegnata alla storia o una bella foto da mettere in cornice, ma un evento vivo, che ci interpella ancora. Dei suoi frutti abbondanti godiamo già: la Messa nelle lingue nazionali, la Scrittura offerta a piene mani, il rinnovato impegno per la giustizia e la pace, lo sguardo amico per i fratelli maggiori Ebrei e per le Chiese sorelle, l’apertura ottimista alla scienza e a tutti gli uomini di buona volontà, credenti e non.  Ma c’è ancora molta strada da fare: nell’Ecumenismo, nel ruolo del laicato e delle donne, per una maggiore sobrietà e compagnia ai poveri, per una più ampia sinodalità e un più efficace ascolto delle gioie e delle speranze, delle tristezze e delle angosce degli uomini.

Abbiamo chiamato a raccontarcela, quella nuova Pentecoste, due testimoni: mons. Luigi Bettazzi, padre conciliare, vescovo di Ivrea e fondatore di Pax Christi; e il valdese Paolo Ricca, professore di Storia del Cristianesimo, giornalista accreditato al Concilio per conto delle Chiese riformate. Seguiranno nei mesi prossimi altri incontri: sulla ricezione del Vaticano II nella vita della Chiesa (“Chiesa popolo di Dio”, con Luigi Sandri, 23 febbraio; “La Chiesa, le donne” con sr. Benedetta Selene Zorzi, 20 marzo) e sui temi ancora aperti nel dialogo con la società (l’opzione per la pace e per i poveri, la politica, la bioetica, i diritti).

La prima sessione si svolgerà a Borgo Ferrovia (Avellino) nella Chiesa di S.Francesco d’Assisi: una chiesa “conciliare” sin dall’architettura e dal grande Murale della Pace di Ettore de Conciliis, ma anche un simbolo delle contraddizioni del nostro tempo e della nostra città: la crisi del lavoro, l’amianto dell’Isochimica, la stazione che chiude, le nuove povertà. La seconda e la terza nel salone del Circolo della Stampa, in pieno centro.

Il programma della prima sessione in PDF                  Ti aspettiamo.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.