Tutti al Meeting, tutti al Meeting…

Continuando sulla falsa riga del Mancuso-pensiero e dei dilemmi che, quotidianamente, potrebbero turbare la coscienza di ogni buon cristiano pensante, non posso non citare l’evento degli eventi’ di agosto: il mitico Ciellino’s meeting, in quel di Rimini.

La oramai trentennale kermesse ciellina ha per tema, quest’anno, “Quella natura che ci spinge a desiderare cose grandi è il cuore” ,ma lo svolgimento –  per quanto intriso dell’ inconfondibile e ciellineggiante ‘intellettual-cultural-impegno’ –  non riesce a nascondere il solito unico e costante fine: ‘fare’ e ‘gestire’ soldi. Come? Ma con le ‘opere sociali’ (leggi la Compagnia delle Opere …). Aiutata da chi? ma dalla Provvidenza (… diamine …!), sempre presente e ‘operante’ nelle sembianze dei fidi amici e degli sponsors.

Ecco dunque che ai fidi amici in processione, ministri, cardinali, vescovi e personaggi di alto profilo e specchiata reputazione (memorabile l’ovazione del 2008 al mafioso Andreotti, nonostante la sopravvenuta prescrizione, oppure quella al martire Dell’Utri oppure al genio della Finanza Tremonti oppure, ancora ieri, al big manager Marchionne …) si aggiungono i soliti sponsors Bombardier, Finmeccanica e Intesa San Paolo, cioè due industrie con notevoli interessi nella produzione di armamenti, unitamente ad uno dei principali gruppi bancari italiani che appoggia il commercio internazionale di armi.

Si, ma che c’entra Mancuso ?

C’entra, eccome, perchè tutti e tre i sopracitati sponsor, infatti, sono anche impegnati nel sostenere progetti di cooperazione umanitaria in Africa di ONG oppure, con la loro pubblicità, il mensile dei francescani del Sacro Convento di Assisi (San Francesco patrono d’Italia). Intesa Sanpaolo è anche il principale partner del “Prestito della speranza”, il microcredito sociale per le famiglie in difficoltà di CEI ed ABI, tanto che in Banca Prossima (di Intesa Sanpaolo) la Cei ha già depositato i 30 milioni di euro raccolti con le offerte dei fedeli e che costituiranno il fondo di garanzia per gli altri istituti aderenti all’iniziativa. Intesa  ospita anche i conti correnti dell’Istituto centrale per il sostentamento del clero e della Caritas Italiana in cui possono essere versati le offerte per le inziative della Caritas e i contributi volontari deducibili per il sostentamento dei preti. Come dire: prima infierisco su di te e, poi, ti vengo ad ‘aiutare’.

E come si salva il ciellin-pensiero, unitamente alla coscienza del cattolico popolo dei ‘distinguo’?

Ripetendo a sé stessi, come un mantra, che “alla Legge …” (quando ‘giustifica’ i tuoi fini …), non si comanda e loro la seguono; che un imprenditore (Cesare …) è un imprenditore” e va sempre e comunque difeso e tutelato e, per finire, mostrando a sé ed agli ‘altri’ solo la ‘bella faccia’ della stessa, meschina ed ipocrita medaglia: la falsa carità.

“Dare a Cesare ed al Signore”, diceva Gesù!

La sequela perfetta del Cristo (secondo Cl & co. …!) è invece “Do e prendo da Cesare…” — ah, lo spirito di intrapresa! — assicurando il silenzio e la stima a banche, industrie di armamenti, e imprenditori ‘amici, e poi ‘facendosi sovvenzionare’ da costoro per meeting e attività di misericordia, e “producendo indotto” per le ‘mie’ 35 mila aziende e più di mille organizzazioni no-profit. Poi si prega Dio: per sè stessi e per gli amici.

La quadratura del cerchio. Dalle mie parti si dice, un po’ meno evangelicamente, “ ‘chiagnere e fottere”.

Chissà se Vito Mancuso, teologo, è a conoscenza che è nella Regione Lombardia (la mitica Formigonia …) che si è strutturato il più potente e pervasivo apparato politico-imprenditoriale esistente in Italia: quello dell’area ciellina di Roberto Formigoni & Co.?

Per ulteriori ‘lumi’, provate a leggere l’articolo di Gad Lerner, pubblicato oggi su Repubblica …!

Massimo De Vinco

Un pensiero riguardo “Tutti al Meeting, tutti al Meeting…

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.