Sincretismi

SINCRETISMO: s.m.  Convergenza di elementi ideologici già inconciliabili, attuata in vista di esigenze pratiche, nella sfera delle concezioni religiose e filosofiche. Il termine deriva dal greco συγκρητισμός (synkretismόs), “coalizione cretese”, e compare per la prima volta nel “De fraterno amore”, 19 di Plutarco.

1- Berlusconi ama le donne, tutte le donne. Uno dei suoi maggiori crucci è rappresentato, infatti, dalla consapevolezza di non averle potute ‘provare’ tutte (come le patatine dello spot di Siffredi).

Molti altri uomini e donne amano altri uomini e donne . Costoro si ‘accontentano’, nei limiti dell’umana loro condizione, cultura e possibilità, di stabilire rapporti più o meno paritari (uno-a-uno, uno-a-molti), tipo uomo-donna (monògamia), uomo-uomo/donna-donna (omosex), uomo-donne, donna-uomini (tutti insieme, appassionatamente).

2- Anche la Chiesa ama gli uomini, le donne e … i bambini (… !). Soprattutto per questi ultimi, molti ‘uomini di chiesa’ sono ancora indecisi sul significato e sull’esatta interpretazione da dare al detto evangelico: “Lasciate che i bambini vengano a me …” (Mc 10, 14).

Berlusconi ha fondato il Partito dell’Amore. Anche la Chiesa ne rivendica l’appartenenza.

In entrambi gli ‘schieramenti’ troviamo, dunque, persone che amano uomini, donne e bambini. In ordine sparso e inverso, misto e promiscuo e, a volte, …vizioso.

Domanda: Ma che pensano, costoro, di ‘chi’ ama in modo improprio i bambini ? E’ colpa di qualcuno o di qualcosa?

Berlusconi: “Non è vero! La pedofilia non esiste nel mio PdA. È il solito complotto delle toghe rosse! I soliti comunisti che, da sempre, si sono cibati di bambini, adesso ci ‘giocano’ anche …!”

B. XVI: “È tutta Kolpa Ti Karenza Ti feTe!”

DomandaE adesso, che si fa?

Berlusconi: “Poiché non è vero, il problema non esiste! ‘rossi’ di m …!”

B.XVI: “Kura e Kompassione”, solo “Kura e Kompassione”.

D.: Santità, ma per chi?

B.XVI: “Ma per i Karnefici, oFFio!” “Lo abbiamo sempre fatto, per anni, spostandoli Ti parroKKia in parroKKia e Ta Koretto a Koretto. Nessuno ha mai protestato. Erano tutti molto Kontenti !”

D.E le vittime?

B.XVI: “Più Tifficili Ta spostare, ma le perToniamo Folentieri e preKiamo per loro.”

D.: Santità, ma mezzo mondo civile (Canada, America del Nord e Sud, Australia, Germania, Olanda, Inghilterra, Irlanda, Italia …) è sconvolto dai casi di pedofilia …

B.XVI: “Si, ma è un Tramma Ke non Kolpisce solo la Kiesa, ma la società tutta …”

D.: Quindi?

B.XVI: “QvinTi Tutta la società TeFe Karicarsi Tella Kolpa …..”

D.: Ma la Chiesa ha intenzione di risarcire le vittime?

B.XVI: “Certamente no! Solo Kura e Kompassione. Kon Tante preKiere.”

D.E risarcimenti in denaro?

B.XVI: “Fratello, mi meraFiglio Ti te! La Kiesa Kura le anime. PrenTe prePenTe. Fa KonKordato. InKassa, ma non paka. Mai. Tratta Ti anime. Per i Korpi c’è Risurrezione. A proposito, sa Ke tra poco è PasKua?”

D.: Quindi, niente risarcimenti?

B.XVI: “TranKvillo. Silvius c’è. Mi ha promesso un DDL per la presKrizione Tel reato di peTofilia. Mi ha solo Kiesto un aiutino per le prossime ‘reCionali’ Tel Lazio Kontro la Bonino. Bertoncino e BagnasKino non KreTevano a loro oreKKie. Poter non interferire nuoFamente in politiKa Ti Stato italiano. Subito hanno parlato Ti “aborto-Ciammai” “W PolFerini” e hanno Kominciato a Kantare insieme “Lasciate Ke i PamPìni FenKano in Kiesà, trullalléro trullallà …”

Massimo De Vinco

2 pensieri riguardo “Sincretismi

  • 27 Marzo 2010 in 7:30
    Permalink

    EUFONIE, CACOFONIE e tragedie

    “Quando tornate a casa e trovate i vostri Bambini, fate loro una carezza e dite QUESTA E’ LA CAREZZA DEL PAPA….” (Giovanni XXIII, 11 ottobre 1962);

    “Quando tornate casa e trovate vostri pampini, date loro ceffone, dato pene, e dite loro questo è ceffone di fratello di Papa” (Daniele Luttazzi, marzo 2010).

    Le tragedie sono quelle che vengono in mente quando si realizza che i suoni dolci sono quelli che appartengono al passato; sono addirittura più vicini al Medio Evo di quei brutti suoni che trovano ispirazione in fatti emersi di recente.

  • 25 Marzo 2010 in 16:34
    Permalink

    neanche la sottile ironia che pervade l’articolo riesce ad attenuare in me il disgusto che il contenuto è riuscito a provocare ….”Lasciate che i bambini vengano a me “suonano come le parole di un sacrificio agli dei . il sangue degli innocenti rassicura le anime di questi “uomini”in sottana nera e i rivoli rossi bagnano la Storia…

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.