Rallegrarci? Sì, ma…

Immaginare qualcosa di meno intonato alla IV Domenica di questa Quaresima (la Domenica detta laetare -“Rallegrati!”) sarebbe stato difficile .
Ma a guardare a questi giorni (simili, in fondo, a tanti altri di questi ultimi decenni tutti “italiani”),  c’è poco  davvero di cui rallegrarsi, per noi, poveri Cristi.

Potremmo scegliere fra:

– la gag di Luttazzi che, rievocando la frase struggente di Papa Giovanni, fa dire al “Pastore tetesco”: “Qvando antate a casa, e trofate fostri pampini, tate loro ceffone, ma tato pene, e tite loro: Qvesto è ceffone di fratello di Papa”;

– il Vaticano che dà i punteggi alle candidate alla carica di Presidente della Regione Lazio, bocciando, senza appello, la Bonino (e qui, vengono da rimpiangere  Gedda e i Comitati Civici, che pensavamo sepolti da un pezzo);

– un pover’unto che , a reti unificate, crede di fare un complimento a se stesso e a un vecchio prete, affermando che quello, il don Verzè, l’Assoluzione gliela dà non appena lo vede, senza nemmeno aprir bocca “tanto lui i miei peccati li conosce” (e magari è vero pure e il segno della Croce è solo un Esorcismo). Certo, più comodo di un lodo o di un legittimo impedimento. Più comodo che dare ordini a un Angelino o far ricorso a Fede. Assoluzione automatica. E telepatica. Sine verbis, sine iniuriis.

A scomodare il Latino, verrebbe voglia  di mixare il “Laetare  Hierusalem“! col “Dum Romae consulitur, Saguntum expugnatur”.

2 pensieri riguardo “Rallegrarci? Sì, ma…

  • 15 Marzo 2010 in 22:13
    Permalink

    Pasquale ha omesso di avvertire: SE NE SCONSIGLIA, VIVAMENTE, LA LETTURA AI CARDIOPATICI, AI BESTEMMIATORI PENTITI E AGLI INCAZZEVOLI PER NATURA.

  • 15 Marzo 2010 in 11:24
    Permalink

    Ai più giovani lettori del Blog e in generale a chi poco conosce la figura di don Verzè raccomando la lettura della voce di wikipedia con la sua biografia e i conseguenti link ad altri suoi amici e devoti: e non mi riferisco ad Albano ed Iva Zanicchi, pure presenti in lacrime alla festa per i 90 anni, ma, ad esempio, a Nicolò Pollari e agli Angelucci (Antonio, Giampaolo…) Buona lettura

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.