Trombe & Campane …! Convergenze parallele 4.

Reinterpretando anche il famoso detto «Se voi suonerete le vostre trombe, noi suoneremo le nostre campane!» attribuito a Pier Capponi (condottiero fiorentino (?) che nel 1494 tenne testa al Re Carlo VIII di Francia disceso in Italia alla conquista di Napoli), la premiata ditta B&B prosegue imperterrita ed inarrestabile, ognuna nel suo campo, l’avvincente testa a testa a colpi di ‘performances’ revisionistiche.

Segnalo gli ultimi, ma mai ‘ultimi’, passaggi.

Mentre B1, l’Unto, prosegue la sua evoluzione passando dalla legge ad personam a quella ad familiam ed al ‘legittimo’ (per lui) impedimento, B16 gli risponde da par suo, e per bocca del fido B(agnasco), durante la conferenza Cei, ‘pianifica’ i passi dei prossimi mesi e, per farci stare tutti più tranquilli, anche dei prossimi 10 anni. Che si possono riassumere così:

 1- saranno considerati ‘validi’ e ‘adulti’ solo quei cattolici che credono e obbediscono al Magistero e, caso mai, combattono per esso; 2- sarà cura dello stesso Magistero «indicare» i «NO» da proclamare (aborto, coppie di fatto, RU486, staminali, omosessuali, registri sul fine-vita, ecc.); 3- sarà considerato ‘caritatevole’ ed ‘opportuno’ invitare sempre l’interlocutore all’uso di toni bassi, in caso di palese ‘torto’ cattolico. Totale libertà di coscienza e di comportamenti, invece, in caso contrario. Punto.

Segnalo un lieve vantaggio di B16, maturato in queste ore.

Infatti, mentre B1, da tempo, collezionava TV private e pubbliche e B16 si era ‘accontentato’, si fa per dire, di Radio Vaticana e di Radio Maria (la potentissima Radio alla quale, contro tutte le leggi della Fisica e dell’inquinamento elettromagnetico, ci si può sintonizzare nelle gallerie, nelle miniere e negli anfratti più improbabili della Terra!), adesso B16 parte all’attacco ‘sdoganando’ internet ed inaugurando una “nuova era” per i sacerdoti: “Portare la parola di Dio nel continente digitale, rivolgendosi anche ai non credenti” (messaggio del Papa alla 44.a Giornata Mondiale delle Comunicazione sociali ai futuri ‘sacerdoti-navigatori’).

Mi sbilancio: prevedo, ad horas, la comparsa della vaticanKey, la ‘chiavetta’ bianca e gialla per navigare in rete, diffondere il vaticanWord e connettersi al VaticanShopping.net. Previo acquisto della ‘carta’ vaticanDonum, sarà possibile al catto-neo-internauta l’acquisto online di ogni mercanzia religiosa D.O.C. nuova e usata, come tabernacoli, stole, ostie, bibbie, ampolline, pissidi, tonache estive/invernali, papaline papali del primo Rinascimento, viaggi sacri, ecc..

Sarà inoltre possibile accedere ai selezionatissimi servizi, rigorosamente esentasse ed altissimo reddito, della “Che Ior.it” la Bancavaticana-online che, con un semplice click da casa, permetterà lo stesso genere di operazioni off-shore fino ad oggi eseguibili solo recandosi personalmente presso l’ufficio apposito in Vaticano. Ovviamente, come da prassi consolidata, tutte le operazioni rimarranno rigorosamente segrete ed impermeabili ad ogni tipo di accertamenti fiscali.

Il tutto, va da sé, in nome della ‘carità’, magica parola che, unitamente a ‘mistero’, è da sempre usata in Vaticano per giustificare il denaro ed il suo uso, eventualmente, anche illecito …!

Come, infatti, B16 ha da poco ricordato ricordato all’Angelus del 26/01/2010: «Chi ama veramente non tiene conto del proprio interesse». Appunto.

Segnalo un altro ‘piccolo’ avvenimento vaticano.

Di quelli che non fanno rumore, ma hanno portata ‘planetaria’: papa Benedetto XVI ha «cancellato» l’ufficio del Prelato dello Ior (la banca vaticana) conferendo ulteriori, maggiori, poteri all’economista Ettore Gotti Tedeschi, che la presiede da settembre.

Perchè …?

Carità, carità… tutto è carità …!

Massimo De Vinco

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.